• Sara Bosco - Moda - Genova
  • Luca Damonte - Ceramica - Cogoleto
  • Nicola Castelli - Oreficeria - Genova
  • Silvia Lamperti - Disegni su velluto - Arenzano
  • Maurizio Rossetti e Carmelo Sferlazza - Piante e aromi - Albenga
  • Laura Chiara - Grafica - Savona
  • Igor Venturi - Accessori moda - Genova
  • Riccardo Gaiaschi - Restauro artigianale - Rapallo
  • Massimo Tosetti e Giancarlo Berto - Autoriparazione - Genova
  • Clara Bacigalupi - Salse tipiche - Sarzana
  • Giacomo Minuto - Torrefazione - Savona

Sistri: dopo la bocciatura del Click day raggiunto accordo sulla rimodulazione

26 Maggio 2011

Per Falco di Confartigianato Liguria: «Il ministero ha ascoltato le nostre richieste»

«Il risultato dei test del Click day, iniziativa promossa da Confartigianato, è stato un forte impulso per l’importante accordo raggiunto con il ministero dell’Ambiente, che rimodula l’entrata in funzione del Sistri. Siamo soddisfatti di questo provvedimento, diversamente le difficoltà per le piccole imprese artigiane del nostro territorio sarebbero state pesanti». È il commento di Luca Falco, membro di giunta di Confartigianato Liguria e presidente di Confartigianato Imperia, alla notizia dell’accordo raggiunto ieri in tarda sera a Roma fra il ministero dell’Ambiente e le organizzazioni imprenditoriali e che vedrà un ingresso graduale delle nuove procedure legate al sistema informatico di tracciabilità dei rifiuti speciali e pericolosi.

Le criticità riscontrate dalle imprese riguardo al Sistri, già in fase di avvio, erano: il ritardo nella distribuzione delle apparecchiature informatiche (chiavette Usb e scatola nera per i trasportatori), l'adeguamento tecnologico interno alle imprese, anche quelle più piccole; le performance tecniche del sistema, la formazione degli operatori interni ed esterni alle imprese.

«I principi a cui si ispira il Sistri, trasparenza, legalità e semplificazione, – dice Falco – sono importantissimi. Il sistema però deve essere efficiente e adeguato a supportare le imprese in un ambito delicato come quello dello smaltimento dei rifiuti. Lo stesso ministro all’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, si è dimostrato concorde con questa visione».

Dopo il parziale fallimento del click day, Confartigianato Liguria aveva chiesto la sospensione dell'entrata in vigore del Sistri (1 giugno).

Secondo l'intesa raggiunta, il Sistri entrerà in vigore secondo le seguenti date di operatività differenziate per dimensione aziendale e per quantità di rifiuti trasportati.

  • dal  1° settembre 2011 – per i produttori di rifiuti che abbiano più di 500 dipendenti,  nonché gli impianti di smaltimento, incenerimento, etc. (circa 5.000) e i trasportatori che  sono autorizzati per trasporti annui superiori alle 3.000 tonnellate (circa 10.000);
  • dal  1° ottobre 2011 – per i produttori di rifiuti che abbiano da 250 a 500 dipendenti   
  • dal 1° novembre 2011 – per i produttori di rifiuti che abbiano da 50 a 249 dipendenti;
  • dal 1° dicembre 2011 – per i produttori di rifiuti che abbiano da 10 a 49 dipendenti e i trasportatori che sono autorizzati per trasporti annui fino a 3.000 tonnellate (circa 10.000);
  • dal 1° gennaio 2012  - per i produttori di rifiuti pericolosi che abbiano fino a 10 dipendenti.

L’accordo prevede inoltre procedure di salvaguardia in caso di  rallentamenti del sistema ed una attenuazione delle sanzioni nella prima fase dell'operatività del sistema.

 

Le attività di Rating di Confartigianato Liguria
VAI
PROGETTO AUTOCONTROLLO CARROZZERIE LIGURI - Dicembre 2013
VAI
SPECIALE ELEZIONI REGIONALI
VAI