• Giacomo Minuto - Torrefazione - Savona
  • Miria Oliveri e Davide Oddone - Filigrana - Campo Ligure
  • Vilma Chinelli - Pasticceria - Cairo Montenotte
  • Carla Quaglia - Moda - Savona
  • Alberto Monfrini - Gelateria - Genova
  • Pasquale Fervorini - Bellezza - Genova
  • Alessandro Loffredo - Oreficeria - Genova
  • Claudia Rizzo - Filigrana - Campo Ligure
  • Nicola Castelli - Oreficeria - Genova
  • Davide Satta - Metalli - Genova
  • Giovanna Parma - Abbigliamento sportivo - Ne

Oltre 12 mila apprendisti nell'artigianato ligure

06 Ottobre 2018

2017 “anno dell'apprendistato”, con assunzioni aumentate del 19,4% nella nostra regione. A fine luglio 2018 si contano oltre 12 mila apprendisti nelle piccole imprese liguri. 
Grasso (Confartigianato): «Formula da incentivare: con l'assistenza passiva e il mero potenziamento dei centri per l’impiego non si contrasta la disoccupazione»

A fine luglio 2018 in Liguria si contano 12.050 apprendisti nell'artigianato. Di questi, secondo gli ultimi dati diffusi dall'Ufficio studi Confartigianato (fonti Inps), 6.589 lavorano nelle micro e piccole imprese genovesi, mentre 1.990 sono impiegati a Imperia. 1.741 lavorano a Savona e 1.730 alla Spezia. Numeri che fanno seguito a un ottimo trend di crescita registrato dalla nostra regione nel corso del 2017, con un aumento delle assunzioni con contratto di apprendistato pari al 19,4%: non a caso il 2017 è stato definito da Confartigianato “l'anno dell'apprendistato”, con ben 273 mila assunzioni in tutta Italia, il 20% in più rispetto al 2016.

«Affiancando formazione e lavoro, l'apprendistato ha un valore fondamentale dell'andamento dell'occupazione giovanile e nella ripresa del mercato del lavoro: per questo lo riteniamo uno strumento da incentivare e da sostenere – commenta Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – Per contrastare la disoccupazione, i dati ci confermano che, superato il doping del Jobs act, si deve investire sul vero lavoro e sulle micro imprese, creando le condizioni per il loro sviluppo e la loro crescita. Ogni strada diversa, che preveda forme passive assistenziali o il mero potenziamento dei centri per l’impiego, la cui azione risulta marginale e scarsamente efficace, sarà destinata ad essere fallimentare per l’occupazione».

I dati lo confermano: la rilevazione sulle forze di lavoro dell’Istat evidenzia che nel 2017 le persone occupate che non lo erano nell’anno precedente hanno maggiormente utilizzato come canale di ricerca il contatto con amici e parenti (40,7%), seguito dal contatto diretto con il datore di lavoro (17,4%). Il ricorso al centro per l’impiego viene ritenuto utile solamente dal 2,4%. Anche l’utilizzo dei Cpi da parte delle imprese per le assunzioni risulta marginale: solo l’1,5% li ha sfruttati per la ricerca e la selezione del personale. Secondo il monitoraggio di Anpal (2018), sono 2.849.086 i contatti con i Centri per l’impiego italiani negli ultimi 12 mesi, con un rapporto di 359 contatti per operatore.

 

Le attività di Rating di Confartigianato Liguria
VAI
PROGETTO AUTOCONTROLLO CARROZZERIE LIGURI - Dicembre 2013
VAI
SPECIALE ELEZIONI REGIONALI
VAI